Scrivere per il web, consigli per testi efficaci che si fanno leggere

Condividi su Facebook [0]

Come si fa a scrivere per il web? È complicato passare da una scrittura tradizionale a quella pensata per gli schermi? Un po’ sì ma in fondo è anche questione di abitudine, di imparare a usare alcuni accorgimenti essenziali.

Insomma, non ci addentriamo nei meandri del saper “scrivere bene”, della differenza tra talento e pratica, ma puntiamo da un’altra parte, ovvero a come rendersi leggibili sul web, dedicando questo post a chi ancora fatica a staccarsi da un modo di scrivere e organizzare il testo pensato per altri mezzi e non per una lettura che si fa guardando uno schermo, tra l’altro sempre meno quello “comodo” di un pc fisso ma sempre più mobile, quindi anche in condizioni “difficili” e non in tempi e luoghi ricavati proprio per concentrarsi sulla lettura.

Guidare la lettura e facilitarla

Chi scrive per il web se lo sente ripetere sempre: attenzione, chi legge apre una pagina e la prima cosa che fa è dare un’occhiata rapida al testo per passare poi, forse, alla lettura completa.

Non è una teoria ma un fatto: con una tecnologia, l’eyetracking, che studia i movimenti degli occhi si è capito che si legge “a F”: si parte da sinistra e si prosegue ma con una attenzione calante e saltando nel testo. In poche parole questo significa che è difficile che una persona legga tutto il contenuto di una pagina o di un post: bisogna scrivere con questa informazione sempre in mente.

Il testo deve rendersi gradevole all’occhio e agganciarlo, se così vogliamo dire, per accompagnarlo alla scoperta del contenuto.

Come si fa a scrivere una pagina web? La forma della scrittura

  • Dai aria al contenuto, non presentare al lettore un muro di testo: usa i paragrafi, fai spazio per dare ritmo alla lettura e facilitarla.
  • Titola e sottotitola i paragrafi quando è necessario: attirano l’occhio del lettore e gli anticipano quel che ci troverà, sono ancore potenti da usare con attenzione.
  • Puoi usare il grassetto, ma con parsimonia, per sottolineare i contenuti che ritieni rilevanti.
  • Hai un paragrafo molto carico di testo? Valuta se può essere il caso di usare un elenco per presentare in maniera organizzata e facile da leggere le informazioni principali.
  • Usa un font leggibile. Guarda tu stesso il tuo blog e il tuo sito e chiediti se quel carattere e la sua grandezza semplificano la lettura. Nel dubbio, chiedi il parere a un esperto.

I contenuti: consigli per rendere piacevole e utile la lettura

Il lettore ha fretta? Tu vai dritto al punto, fagli sapere subito se è capitato sulla pagina giusta.

  • Stai vendendo un prodotto o un servizio? Chiarisci subito che problema risolvi e che bisogno soddisfi: quando pensi al tuo testo mettiti dalla parte del lettore che sta cercando proprio quella informazione e quella risorsa che tu puoi dargli. In altre parole: parla il più possibile di lui e non di te (hai la tua pagina about per farlo).
  • Sii breve e sposa la semplicità. È vero, non sempre è possibile ma bisogna almeno provare a essere concisi, a usare un linguaggio che non crei difficoltà: pensa per esempio a quanto possono essere scoraggianti i testi pieni di termini tecnici incomprensibili a chi non è del mestiere. Sposare la semplicità non vuol dire essere banali ma rendere la vita facile al tuo cliente o possibile cliente.
  • Infine, rileggi e fai rileggere: ti aiuterà non solo a vedere i refusi che ormai non noti più ma anche a capire se il tuo stile funziona, se quello che tu pensi sia chiarissimo magari non lo è così tanto. Serve a migliorarsi e a mettere online testi che funzionano.

Buon lavoro!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *