5 progetti che puoi realizzare con il tuo dominio e un hosting

Condividi su Facebook [0]

C’è hosting e hosting e noi ne abbiamo per tutti. Oggi parliamo a chi ha un’idea, questa: “Vorrei fare qualcosa di mio sul web, per farmi conoscere e notare, per trovare chi la pensa come me, ha le mie stesse esperienze o condivide la mia passione”.

Magari hai comprato il nome di dominio che corrisponde al tuo nome o a quello della tua attività, ma non hai ancora deciso di esordire online: perché non sai come si fa e l’idea di chiedere un preventivo a un web designer ti sembra un azzardo. Qualcuno ti dice che è facile e puoi fare da te, qualcuno ti dice che devi spendere cifre folli, il “cugino bravo con il computer” dice che può fartelo lui. La verità sta sempre nel mezzo e varia a seconda dei bisogni, ma intanto proviamo a vederci più chiaro.

Che cosa è un hosting

Comprare un nome di dominio è solo l’inizio. Ci vuole un hosting, la casa del tuo sito web, dove un sito vive e può essere raggiunto dalle persone che lo trovano e decidono di visitarlo: è uno spazio fisico su un server, piccolo o grande, in base alle necessità. Progetti più complessi hanno server dedicati ma per i progetti personali quasi sempre un hosting condiviso – il server ospita più spazi che corrispondono a hosting diversi – è tutto quel che serve.

Cosa è WordPress e perché ne parliamo

Ora hai il dominio (e se hai un dominio hai già qualcosa di importante come la tua email personalizzata), e hai un hosting: il passo successivo è fare il sito, ma è facile farsi scoraggiare da parole e sigle come HTML, PHP, CSS, database, FTP. C’è però una parola, WordPress, che ti aiuta a fare pace con l’idea di iniziare da soli, in totale autonomia.

Non esiste solo WordPress e non è l’unica soluzione per costruire un sito e per gestirne i contenuti: non è nemmeno così facile da gestire come si sente dire spesso, ma ci sono alcuni punti a suo favore:

  • è diffusissimo, quindi è facile trovare chi se ne intende almeno un po’
  • essendo così diffuso, in rete ci sono risorse preziose per chi misurarsi con l’idea di un sito web
  • al “motore” di WordPress si appoggiano temi per tutti i gusti e necessità
  • ci puoi fare un sito o un blog o tutti e due, un sito con tanto di blog: l’ingresso principale del tuo sito potrà essere una pagina statica oppure il blog, e in questo caso le persone che lo troveranno vedranno i tuoi contenuti in sequenza temporale, dal più giovane ai più lontani nel tempo
  • ci sono i plugin, programmi scritti che puoi aggiungere a WordPress per aggiungere le funzionalità che ti servono: anche in questo caso c’è l’imbarazzo della scelta, e bisogna prepararsi a leggere molto e a testare per capire quale sia la soluzione migliore

Per riassumere, i primi passi sono: avere un dominio, acquistare un hosting, installare WordPress e poi iniziare a lavorarci. Una delle nostre soluzioni permette di saltare l’installazione perché è già inclusa, il che ti solleva dal compito manuale.

Non è detto che tu abbia per forza bisogno di WordPress, ma spesso è la scelta migliore e indicata per chi decide di sperimentare a costi contenuti, per poi passare a un restyling o a un miglioramento del sito con l’aiuto di un professionista del settore: succede, di solito, quando ci si accorge che le cose vanno bene, che curare un sito è un piacere e che questo è diventato un complemento importante o essenziale, per piacere personale o per lavoro.

Ok, ma cosa posso inventarmi che non sia già stato fatto?

Nulla. Online c’è tutto e pensare di andarci con l’idea del secolo può portare a delusioni cocenti. Meglio vederla da un altro punto di vista: il bello del web è che c’è spazio per tutti, grandi e piccoli, e che anche l’ennesima voce può trovare il suo spazio. È difficile se non impossibile inventare il prossimo Facebook, l’e-commerce che sbaraglierà la concorrenza, il blog che farà diventare ricchi ma il web si nutre anche delle cose più piccole, costruite e coltivate con cura.

Perciò, se hai il desiderio di andare online ma le idee ancora un po’ confuse, ecco qualche suggerimento da valutare confrontandolo con le tue necessità

Installare e gestire un forum

Ce ne sono di molto belli e che funzionano molto bene. C’è Facebook con i suoi gruppi? Vero, ma non tutti sono iscritti a Facebook e un forum è ancora un luogo che tanti frequentano volentieri: per sentirsi a casa con persone che condividono lo stesso interesse, per discutere e poi magari incontrarsi dal vivo.

Il rovescio della medaglia, che può essere anche piacevole, è che se un forum ha successo assorbe molto tempo per l’amministrazione e la moderazione degli interventi. Per fortuna ci si può lavorare anche in team, assegnando il ruolo di moderatori e amministratori anche ad altre persone: l’impegno, in ogni caso, è compensato dalla soddisfazione di vedere una comunità crescere e partecipare attivamente.

Aprire un blog

La cosa forse più semplice da fare tecnicamente e la più complicata in termini di impegno: spesso si parte con entusiasmo per poi mollare dopo i primi tre o quattro post. I consigli tecnici lasciano il tempo che trovano se non c’è un progetto: non è necessario trasformarsi in macchine che producono post a scadenza fissa, anzi, è giusto postare quando si ha qualcosa di significativo da dire, ma anche solo cominciare a fare una lista di argomenti da trattare aiuta a mantenere nel tempo la voglia e la determinazione a continuare.

Il piacere di scrivere aumenta scrivendo, e aumenta la voglia di farlo anche quando si ricevono commenti e suggerimenti. Non ci sono mai abbastanza blog e se è da tempo che ci pensi, provaci.

Un altro aspetto interessante è la possibilità di curare un blog/magazine multiautore, per lavorare in gruppo a un progetto comune: anche in questo caso potranno esserci responsabilità e ruoli diversi e organizzarsi e pianificare diventa un aspetto fondamentale per proseguire bene e a lungo.

Ospitare il tuo curriculum

Non c’è già LinkedIn? Vero, ma un sito personale è un’arma in più per mostrare professionalità, e WordPress è pieno di temi molto belli da riempire con i dati che riguardano la tua vita lavorativa. E chissà che poi, nel tempo, attorno al tuo curriculum non ti venga voglia di aggiungere pagine che dicono ancora meglio chi sei, cosa fai, quanto costi, e che raccontino come lavori.

Ospitare il tuo portfolio

Soluzione classica soprattutto per chi ha una professione creativa: fotografia per lavoro e foto dei propri lavori, soprattutto. Anche in questo caso, ci sono temi molto belli e già impostati per rispondere alle esigenze di chi deve mettere online molte immagini.

Il tuo e-commerce

Ci sono piattaforme e marketplace per vendere qualsiasi cosa – un esempio è Etsy per tutto il mondo del fatto a mano – e decidere di aprire un e-commerce in proprio è più di una scommessa, ed è necessario scoprire se ne vale la pena. I criteri sono vari e cambiano da progetto a progetto: per quanto sia buono e richiesto un prodotto, gestire in autonomia un e-commerce può diventare una sfida molto impegnativa. Il nostro consiglio è di fare una valutazione, un business plan (ne abbiamo parlato nel post-intervista con la commercialista Carlotta Cabiati) e chiedere consiglio a un professionista del marketing per capire se e come muoversi.

In ogni caso, anche in questo settore ci sono soluzioni a portata di mano e di tasche: una delle più famose è Woocommerce.

Infine, anche se non hai le idee chiare ma l’idea di mettere le mani in pasta ti sorride, non devi per forza pubblicare un tuo progetto ma puoi imparare a svilupparli per altri: grazie alle community online, formandoti con i percorsi di studio più adatti, puoi orientarti nel mondo dello sviluppo, del web design e della progettazione delle interfacce e molto altro ancora. Un giorno da questa idea potrebbe nascere una professione.

Hai deciso, vuoi un hosting? Guarda le nostre offerte, per tutto il mese di settembre 2016 hai uno sconto del 25% con il codice HOST25. Ti aspettiamo online!

Ci sono 2 commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.