Pagamenti elettronici e digitali: POS virtuali e altri strumenti per evitare di usare i contanti

Condividi su Facebook [199]

Pagare senza usare il denaro contante non è solo comodo ma anche importante da più di un punto di vista: nell’anno dell’emergenza Covid, dotarsi di un POS o di un altro metodo per ricevere pagamenti e pagare con una carta di credito o di debito è uno dei tanti gesti che permette di evitare uno scambio fisico.

Il secondo aspetto è legato alla tracciabilità dei pagamenti per ottenere le detrazioni IRPEf del 19% su molte spese importanti tra le quali per esempio le spese sanitarie, veterinarie, per l’istruzione, per gli abbonamenti ai trasporti e altre ancora: la detraibilità si ottiene pagando con assegni, bonifici e naturalmente con i pagamenti elettronici con le carte di credito e di debito.

Infine, a partire da dicembre 2020 è previsto l’avvio del bonus cashback del Governo che permetterà di ottenere un bonus del dieci per cento su una spesa massima di 1500 Euro per semestre effettuata con sistemi di pagamento elettronici in negozi fisici (almeno 50 transazioni, per un cahback totale massimo di 300 Euro).

Nella cosiddetta cashless economy, economia libera dai contanti, i POS mobili e altri strumenti di pagamento digitali semplificano la vita delle attività commerciali, anche quelle più piccole, sono comodi anche nei casi di consegne a domicilio e soddisfano le esigenze dei clienti che preferiscono pagare le loro spese senza maneggiare contanti.

POS Mobili: esempi e caratteristiche

Ecco un breve elenco di POS facili da adottare e alternativi rispetto ai POS classici.

Data la presenza sempre più numerosa di POS mobili, prima di passare alla nostra selezione ti consigliamo di verificare sempre almeno questi aspetti, qualsiasi sia il terminale che stai valutando:

  • Costi fissi, tipicamente il canone mensile
  • Commissioni, se fisse su qualsiasi importo o diverse a seconda dell’importo della transazione
  • Necessità di aprire un conto corrente bancario con il fornitore del POS o possibilità di collegarlo a qualsiai conto
  • Compatibilità con il bonus fiscale del 30% che permette di utilizzare il credito di imposta del 30% sui pagamenti elettronici, per chi ha ricavi e compensi inferiori a 400.000 Euro

SumUp

SumUp è una delle soluzioni più conosciute ed economiche, adatta per le piccole attività, dai negozi ad attività professionali.

Le offerte di SumUp sono tre:

  • Lettore Air, il cui funzionamento deve essere supportato da uno smartphone o tablet sul quale installare l’app di SumUp
  • Lettore di carte 3G che funziona in modo indipendente, senza smartphone o tablet a supporto
  • Lettore 3G con stampante per chi desidera poter stampare le ricevute dei pagamenti.

Vediamo le caratteristiche di SumUp Air, il più economico.

  • Quanto costa: 19 Euro
  • Costi fissi: nessuno
  • Commissioni: fissa a 1,95%
  • Carte e metodi di pagamento accettati: tutte le carte e i pagamenti contactless via smartphone con le tecnologie NFC (ApplePay e GooglePay)

Poste Italiane – PostePay Tandem Mobile POS

Un POS mobile che funziona in abbinamento con la app Tandem da installare su smartphone e tablet, per i titolari di un conto BancoPosta o carta Postepay Evolution Business.

  • Quanto costa: 15 Euro + IVA
  • Costi fissi: nessuno
  • Commissioni: diverse a seconda delle transazioni, fino a 5 Euro e superiori a 5 Euro, e a seconda del tipo di carta utilizzata per i pagamento, a partire dall’1,80%. Le condizioni sono riportate nel documento “Servizio Acquiring PostePay Tandem – Mobile Pos”
  • Carte e metodi di pagamento accettati: tutte le carte di credito e debito e prepagate, e i pagamenti contactless via smartphone con le tecnologie NFC (ApplePay e GooglePay)

Nexi Pos Mobile

Il POS di Nexi per i professionisti e le piccole attività, con funzionamento sempre supportato da app da installare su smartphone o tablet, utilizzabile con qualsiasi conto corrente italiano.

Comprende anche il servizio Pay-by-Link per i pagamenti a distanza, con invio di link via SMS, email e social.

  • Quanto costa: 29 Euro
  • Costi fissi: nessuno
  • Commissioni: 1,49% per pagamento con Mastercard, VISA, Maestro, VPAY e PagoBANCOMAT. Fino al 31/12/2020 nessuna commissione sui pagamenti fino a 10 Euro.
  • Carte e metodi di pagamento accettati: tutte le carte di credito e debito e prepagate, e i pagamenti contactless via smartphone con le tecnologie NFC (ApplePay e GooglePay)

Axerve POS Easy

Un prodotto e due soluzioni, a canone o a commissione, collegabile a qualsiasi conto bancario, con SIM inclusa e pagamenti accettati con VISA, VPAY, Mastercard, PagoBANCOMAT e da device con tecnologia NFC.

POS Easy a canone

Interessante per le attività con transazioni contenute, fino a trentamila Euro annui, così suddivise:

  • Canone mensile e zero commissioni per chi incassa fino a 10.000 Euro/anno: 15 Euro+IVA mese
  • Canone mensile e zero commissioni per chi incassa fino a 30.000 Euro/anno: 20 Euro+IVA mese

POS Easy a commissione

La soluzione alternativa con terminale in vendita a 240 Euro+IVA e che può stampare lo scontrino.

  • Canone mensile: nessuno
  • Commissioni: 1%

App per pagare con lo smartphone

Sono le applicazioni utilizzabili per ricevere pagamenti e per pagare negli esercizi commerciali senza utilizzo di terminali ma solo con lo smartphone, con scambio diretto del denaro tra cliente e negoziante o da persona a persona.

Alcune di queste applicazioni sono pensate anche per la gestione dei risparmi, con la possibilità di fissare obiettivi da raggiungere e di guadagnare con il sistema di cashback che restituisce una percentuale di quanto speso.

Satispay

Satispay è l’app sviluppata in Italia che, collegata a un conto bancario, permette di ricevere e inviare pagamenti usando solo il telefono, disponbile sia per lo scambio di denaro tra privati, sia per i business (negozi fisici e e-commerce).

Senza costi fissi, Satispay prevede queste commissioni:

  • per i punti vendita: 0,20 Euro per le transazioni a partire da 10 Euro in su (niente commissioni per quelle inferiori a 10 Euro)
  • per gli e-commerce: 0,5% Euro per le transazioni sotto i 10 Euro e dallo 0,5% a 0,20 Euro per le transazioni superiori a 10 Euro

Occhio anche alle commissioni per tipi di business diversi come totem di pagamento, attività in movimento, social media, distributori automatici.

Se sei un privato e usi Satispay per pagare, il funzionamento è semplice: dopo aver collegato Satispay al tuo conto corrente, puoi stabilire un budget e cambiarlo quando vuoi; se hai usato il budget, questo verrà ristabilito ogni lunedì con un prelievo dal conto corrente. Se il budget è impostato a zero e ricevi denaro da una persona, al controllo settimanale la cifra ricevuta sarà accreditata sul tuo conto corrente.

Hype

Hype è un conto di pagamento abbinato a una carta di credito ricaricabile e contactless Mastercard, senza costi, tutto gestibile via app su Smartphone.

Senza costo di attivazione fino a fine 2020, permette di usare lo smarpthone per:

  • pagare in negozio, collegandola a Apple Pay o Google Pay
  • pagare bollettini postali
  • inviare bonifici
  • scambiare denaro con altre persone

Oval Pay

Oval Pay è un conto di pagamento con abbinata una carta VISA prepagata, utilizzabile per pagare via smartphone con Apple Pay o Google Pay.

Puoi usare Oval Pay per pagare e scambiare denaro, fare e ricevere bonifici, prelevare denaro dai Bancomat.

Oval non ha costi fissi e prevede costi di gestione per i bonifici istantanei (1 Euro) e il deposito dei contanti negli esercizi convenzionati (1 Euro).

Apple Pay e Google Pay

Sono i due sistemi di pagamento digitale che permettono di utilizzare lo smartphone per pagare sia nei negozi fisici grazie alla tecnologia NFC utilizzata anche dalle carte di credito e debito contactless, sia online, con i rispettivi device Apple (iPhone, iPad, Apple Watch) e Android (smartphone, tablet e Wear Os),

Per utilizzarli, il primo passo è associare una o più di una carta di credito o debito, verificando che la banca di emissione della carta sia elencata tra quelle utilizzabili: per controllare, puoi visitare la pagina di Apple Pay e quella di Google Pay.

Al momento del pagamento in negozio, ti basterà avvicinare il telefono al POS – dopo aver fatto l’autenticazione, per esempio l’impronta digitale – per avviare il pagamento: l’ulteriore livello di sicurezza è dato dalla trasmissione criptata dei dati della carta che non vengono condivisi con il negoziante.

Entrambi i sistemi funzionano anche per i pagamenti online sui siti che li accettano, dai device Apple o usando il browser Safari per Apple, con i device Android o via browser con Google Pay: è un metodo veloce che evita di compilare moduli e inserire manualmente i dati della carta.

La foto di copertina è di Blake Wisz da Unsplash

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.