Lavorare in Ehiweb, come funzionano le selezioni e le assunzioni

Condividi su Facebook [103]

Per una piccola-media impresa come la nostra, ogni selezione è un impegno coinvolgente, di ricerca accurata delle persone che entreranno nel nostro Team di assistenza, tecnica o commerciale: chi ci conosce, in particolare come cliente, sa quanto curiamo la qualità e la personalizzazione dell’assistenza, aspetto che fa la differenza se tutto funziona al meglio, compresa l’alchimia tra le persone e la volontà di chi è all’inizio di imparare, crescere e acquisire i proprio spazi di autonomia.

Basta leggere alcuni degli identikit che pubblichiamo con regolarità per capire che spesso il background lavorativo di chi arriva a lavorare con noi non comprende il nostro settore: anche a lavorare nelle TLC si impara, se c’è predisposizione e determinazione, quelle che noi ricambiamo con la formazione, con contratti stabili, garanzie, premi e bonus e definizione di percorsi di crescita.

Gli identikit e i post del blog che pubblichiamo sul nostro modo di lavorare sono anche utili ai possibili candidati per arrivare al momento dell’incontro con noi conoscendo un po’ della nostra filosofia aziendale, come curiamo l’ambiente di lavoro, e anche per raccogliere qualche informazione sui futuri colleghi e colleghe.

Torniamo a parlare di selezione perché si è appena conclusa l’ultima in programma per questo periodo, che porterà nel team due nuove persone a occuparsi di supporto ai clienti, e vogliamo tornare sul nostro modo di lavorare parlando di annunci di lavoro, selezione e ingresso nel nostro mondo.

Da fine 2023 sono entrate in squadra tre nuove persone: sono Francesco, developer full-stack, Arianna al supporto commerciale e amministrativo, Christian al supporto tecnico (presto arriverà il suo identikit). E adesso altre due nuove persone stanno per aggiungersi al supporto commerciale e amministrativo coordinato da Simona Di Bartolo. Cinque nuove persone in pochi mesi confermano l’impegno di mantenere sempre alto il livello di assistenza, di pari passo con la nostra crescita.

Gli annunci di lavoro

Pubblicare un annuncio di lavoro significa fornire informazioni necessarie a chi lo legge per capire qual è la figura ricercata e le mansioni che le saranno affidate, e trasparenti perché sia chiaro anche l’inquadramento, la retribuzione e altri eventuali benefit.

Quando pubblichiamo i nostri, indichiamo sempre:

  • la descrizione della posizione
  • il contratto di lavoro
  • la retribuzione mensile netta
  • la retribuizione supplementare: bonus, premi di produzione, tredicesima e quattordicesima
  • i benefit, per esempio l’assicurazione sanitaria aggiuntiva, i buoni pasto, sconti
  • l’orario di lavoro

Infine, la data entro la quale inviare la candidatura e la data di inizio del lavoro prevista.

Crediamo che queste informazioni forniscano un buon quadro non solo della posizione in oggetto ma anche una prima indicazione di come ci piace fare le cose: in modo serio e con impegno, quello che poi per la persona selezionata diventa l’assunzione a tempo indeterminato, un percorso di carriera e una sicurezza in più per portare avanti progetti e obiettivi di vita.

Le selezioni

La prima selezione avviene sulle candidature ricevute: dopo la lettura dei cv e delle presentazioni, segue l’invito telefonico al colloquio a Bologna.

Le selezioni sono come sempre seguite dalla Direzione, quindi Daniele Mariano, Matteo Sgalaberni, Gilberto Di Maccio, Luigi De Luca, e da Simona Di Bartolo, con il supporto del nostro consulente storico Galeazzo Frudua, e sono organizzate in tre colloqui, di gruppo e individuali: sono i momenti nei quali noi iniziamo a conoscere le persone che si sono candidate, e loro iniziano a conoscere noi e il nostro lavoro.

Le ombre delle selezioni per chi le vive in prima persona

Non tutto funziona sempre come dovrebbe e accade che alcune persone si candidino e poi rinuncino al colloquio per ragioni diverse.

A volte però accade che alcune persone si diano disponibili per il colloquio, e il giorno stabilito non si presentino, non rispondano al telefono quando proviamo a chiamarle per ricordare l’appuntamento o giustifichino solo seduta stante la mancata presenza. Altre persone che rinunciano invece dimostrano correttezza scrivendo o avvisando con anticipo sufficiente che non parteciperanno ai colloqui.

Siamo abbastanza sicuri che la nostra non sia una esperienza esclusiva e che altre aziende incontrino questo tipo di difficoltà: vogliamo comunque sottolineare che organizzare i colloqui e le selezioni è un costo in termini di tempo ed economico, è un impegno che si prende in maniera reciproca, di tempo e attenzione che si dedicano in via esclusiva ad alcune persone scelte, con le quali si prende un accordo, e non altre.

Ed è deludente attendere una persona che desideri conoscere ma che non incontrerai, scoprendolo solo all’ultimo momento. E ancora di più sapere che è troppo tardi per sostituirla e dare ad altri la stessa opportunità.

Dalla fine delle selezioni al primo giorno di lavoro

Terminata la selezione, diamo un riscontro a tutti e comunichiamo l’assunzione alla persona scelta: quando la selezione coincide con qualche aperitivo o cena del gruppo, la invitiamo subito: è sempre un buon modo per iniziare!

Dal primo giorno di lavoro, poi, iniziano l’affiancamento e la formazione sui tanti aspetti che caratterizzano il nostro lavoro quotidiano.

In attesa di presentare i nuovi colleghi e colleghe, puoi scoprire un po’ di più su chi siamo esplorando gli identikit delle persone che lavorano già con noi.

L’immagine di copertina è di Photo Rodion Kutsaiev da Unsplash

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.