Gli SMS per fare marketing: intervista al nostro Luigi De Luca

Condividi su Facebook [0]

Hai visto il titolo di questo post e hai pensato che gli SMS non li usa più nessuno? Ok, fermati un secondo a guardare il tuo smartphone. Tra alcuni messaggi personali probabilmente ce ne sono anche altri: quelli di una grande azienda che ti informa dell’ultima offerta speciale, o magari il tuo meccanico che ti ricorda di fare la revisione all’auto; oppure uno dei tuoi negozi preferiti che ti avvisa dell’arrivo di uno sconto odi un prodotto speciale in anteprima.

Potere degli SMS: difficile resistere al cicalino del telefono che annuncia l’arrivo di un messaggio e l’SMS fa centro quando è pensato e studiato proprio su misura per i tuoi interessi e per le tue esigenze, quando ti fa sentire speciale o privilegiato, quando arriva dopo che hai espresso il desiderio di riceverlo lasciando i tuoi dati su un modulo in negozio o su un ecommerce.

Il nostro Luigi ha parlato di SMS e della nostra piattaforma BeSMS con il sito Merita.biz dedicato al marketing digitale, che ha voluto una puntata del suo podcast proprio sul marketing e la comunicazione via SMS e sulla sua efficacia. L’esperienza positiva di BeSMS infatti conferma che gli SMS funzionano ancora molto bene, sia per i business più grandi, sia per quelli più piccoli e locali.

In questo post trovi l’audio del podcast e anche un breve riassunto degli argomenti trattati da Luigi e da Giorgio Minguzzi di Merita.biz

Ascolta il podcast di Merita.biz: intervista a Luigi De Luca su BeSMS e l’sms marketing

I vantaggi degli SMS pensati e usati bene, per comunicare meglio e vendere di più

Gli SMS conquistano l’attenzione proprio perché sono un metodo veloce ed efficace di comunicare. I messaggini sono là dove c’è uno smartphone, cioè ovunque: tutti li ricevono, anche i telefoni più datati hanno di sicuro questa funzione e tutti – anche chi è meno pratico di uso degli smartphone – abbiamo confidenza con loro.

Gli aspetti che fanno la differenza, oltre alla tecnologia che consente di spedirne moltissimi in tempi brevi e di misurare il loro impatto, sono legati proprio ai loro contenuti, perché gli SMS devono essere:

Riconoscibili, provenienti da un mittente che è facile identificare e ricordare

  • Spediti a persone che hanno chiesto di riceverli, che li attendono perché sanno che riceveranno contenuti interessanti e utili: offerte speciali, promozioni, tracking di ordini, reminder di appuntamenti, password, concorsi riservati e molto altro ancora
  • Profilati: più gli SMS sono personalizzati in base a dati precisi, dal sesso all’età di chi li riceve passando per gli interessi specifici, il luogo di residenza e molto altro, più saranno graditi ed efficaci. La profilazione fatta bene è quell’attività che diminuisce la possibilità che chi riceve un SMS lo viva come un’intrusione fastidiosa e ne apprezzi il contenuto e l’utilità.
  • Brevi ed efficaci, dritti al punto, facili da capire per evitare di essere scambiati per spam, che invitino con chiarezza a intraprendere un’azione, per esempio cliccare su un link che porterà a una pagina web dedicata e ottimizzata per il mobile, come fanno anche i nostri SMS 2.0
  • Spediti in orari e momenti opportuni, definiti in base ai dati in possesso sul proprio pubblico. Un esempio? Spedire gli SMS di notte può essere un’idea sbagliata nella maggior parte dei casi, ma potrebbero esistere gruppi di persone che per qualche motivo invece potrebbero leggerli proprio nelle ore notturne: l’unico modo per saperlo è conoscere molto bene i destinatari della comunicazione.

Potenzialità degli SMS: integrazione con altri sistemi

Gli SMS possono vivere insieme ad altri sistemi e non esaurire la loro funzione con la semplice spedizione.

Quando è possibile, infatti, è importante incoraggiare e usare l’interazione, ricevere risposte agli SMS e valutarle, studiandole con attenzione: è una funzione che BeSMS ha (le risposte sono leggibili sullo smartphone o sul pannello online), e che diventa cruciale per esempio quando si devono registrare le adesioni a un concorso o a un evento.

Si possono fare tutte queste cose nello spazio di un breve messaggio di testo? Ci si può riuscire lavorando con attenzione su testi, link, inviti a compiere un’azione.

Per andare oltre il limite dei 160 caratteri, oggi ci sono i nuovi SMS 2.0: ogni messaggio può contenere un link che rimanda a una pagina web ottimizzata per il mobile, dove sono pubblicate informazioni aggiuntive – testi, immagini, video, mappe – e un invito a compiere l’azione desiderata, oppure a comprare direttamente online sul mini-sito creato con BeSMS senza avere esperienze di programmazione e web design.

Un esempio concreto: il negozio Carnevale Veneziano e la campagna di SMS per i vestiti di Carnevale

Carnevale Veneziano è un negozio fisico e uno shop online di costumi di carnevale che nel tempo ha costruito un database di contatti molto ampio, composto esclusivamente di persone che avevano dato il loro numero di telefono per essere avvisate di notizie e promozioni sulle vendite dei vestiti.

Quindici giorni prima di Carnevale, il negozio ha inviato un SMS ai suoi 8000 contatti per ricordare che avrebbero potuto comprare i vestiti proprio in negozio o sul sito web, e quel semplice invito a considerare l’acquisto da Carnevale Veneziano ha dato ottimi risultati di vendita. Se non ci fosse stato l’SMS, quante persone avrebbero dimenticato l’esistenza del negozio e avrebbero finito per acquistare altrove?

Altri utilizzi degli SMS per scopi non commerciali

Gli SMS non servono solo per vendere ma possono essere molto utili anche per altre attività importanti. Per esempio:

  • Per le scuole, per monitorare ingressi e altre attività degli allievi e comunicare in modo tempestivo, in caso di bisogno, con le famiglie
  • Per i comuni e le protezioni civili, per fornire informazioni cruciali sul traffico o su lavori in corso importanti, per le allerte meteo o altre situazioni delicate
  • Per gruppi di cittadini che, legati magari dalla vicinanza fisica perché residenti nello stesso quartiere o palazzo, trovano utile scambiarsi informazioni su iniziative e decisioni da prendere chiedendo l’opinione e le adesioni di chi fa parte del gruppo

Insomma, gli SMS possono essere usati bene e con fantasia, rispettando la privacy di chi li riceve, per rispondere a esigenze precise. Vuoi provarli? Su BeSMS hai a disposizione 50 SMS gratuiti per scoprire la piattaforma e quanto i messaggini siano ancora vivi, utili ed efficaci per comunicare bene e aiutare la tua attività a ottenere ancora più risultati.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *