Come scegliere l’ADSL: criteri per orientarsi nel mondo delle linee per la connessione a Internet

Condividi su Facebook [144]

Scegliere una ADSL può sembrare complicato: le offerte sono molte ma la buona notizia è che puoi fare chiarezza e decidere la migliore ADSL per te, considerando alcuni elementi che ne definiscono la qualità, le caratteristiche e infine, naturalmente, il prezzo mensile.

In questo post ti indichiamo una serie di passi utili per capire che tipo di ADSL cerchi e fare l’investimento migliore per portare Internet in casa (coperture permettendo, s’intende!).

Chi sei e come usi Internet

Come usi Internet? Questo parametro strettamente personale è il primo indicatore per la scelta di una ADSL commisurata alle tue esigenze:

  • usi Internet poco tempo ogni giorno o in maniera sporadica: passi molto tempo fuori casa e quando ci sei usi Internet per controllare le mail, dare un’occhiata ai social e navigare per leggere le notizie o informarti sui temi che ti stanno a cuore
  • usi Internet tutti i giorni, per almeno una o due ore o più, per controllare mail e aggiornare i social, navigare sul web, per ascoltare musica o guardare film e serie tv con servizi online come Spotify o Netflix
  • Internet fa parte del tuo quotidiano: lavori da casa o comunque hai l’esigenza di accedere più volte al giorno, sei un gamer e non puoi fare a meno di giocare online

Questi tre profili sono generici ma ognuno può riconoscersi in alcune di queste caratteristiche e decidere di conseguenza.

Abbonamento flat o altre soluzioni?

La prima differenze importante è valutare se scegliere un abbonamento con tariffa fissa mensile, le cosidette “flat”, o una connessione di tipo diverso:

  • con la “chiavetta” o “saponetta” che utilizza la rete mobile, da usare solo quando hai necessità di collegarti a Internet: in genere le offerte prevedono una tariffa flat mensile e non un vero pagamento “a consumo” effettivo di dati, con soglie di traffico mensile variabile e costi extra soglia da verificare. Può essere la soluzione giusta per te se hai bisogno di una connessione a Internet anche fuori casa
  • offerte ricaricabili con uso della tecnologia wireless. Alcuni operatori offrono l’attivazione di ADSL su installazione dell’antenna che permette il collegamento, con relativi costi di attivazione e pacchetti diversi: anche le offerte con tagli di ricarica settimanali o mensili non sono vere e proprie offerte “a consumo” ma su pagamento di un fisso settimanale, mensile, trimestrale o altro a scelta. Queste soluzioni possono essere interessanti per realizzare accessi temporanei alla rete, per esempio nella casa delle vacanze

In entrambi i casi, e in particolare se consideri una soluzione di questo tipo per l’uso casalingo quotidiano, scegli dopo aver stimato il tuo bisogno effettivo di connessione a Internet per capire se una soluzione “flat” non sia più conveniente.

La terza opzione è l’attivazione di una ADSL solo per il periodo necessario, per esempio se hai un’attività stagionale o per la casa delle vacanze, fattibile se il provider non prevede una durata minima contrattuale e lascia liberi di chiudere il contratto in qualsiasi momento, come facciamo anche noi.

E il telefono? Offerte solo ADSL o ADSL+voce

Avere un numero di telefono fisso per chiamare e ricevere telefonate è un’altra variabile quando valuti una qualsiasi offerta ADSL. Oltre alla linea telefonica tradizionale affidata al doppino telefonico, con i costi annessi, puoi avere un numero VoIP e chiamare usando la connessione a Internet: il VoIP è la tecnologia che trasporta la voce al pari di altri dati e che puoi usare con il tuo telefono di casa, chiedendo al provider l’attivazione di un nuovo numero o portando il tuo numero di sempre con te.

Il VoIP è anche una tecnologia che permette di risparmiare moltissimo sul costo delle telefonate: quando scegli la tua ADSL, puoi valutare se il provider che ti interessa:

  • offre una soluzione che comprende anche le telefonate
  • ti permette di attivare il VoIP con una tariffa flat o ricaricabile, con pagamento a consumo

Se hai già una ADSL senza VoIP, puoi attivare il servizio anche con un provider diverso, scegliendo la soluzione che ti soddisfa di più.

ADSL senza telefono

I tempi del canone Telecom per il telefono, al quale si aggiungeva il costo della ADSL, sono lontani. Oggi puoi cercare un provider che ti permetta di avere una ADSL senza telefono, in modalità “linea dati”, attivandola su una linea telefonica eistente o chiedendo l’attivazione di una linea dati nuova se la tua casa non ha mai avuto la linea telefonica: userai l’ADSL solo per navigare e potrai decidere in qualsiasi momento se attivare anche il servizio VoIP.

I bundle: servizi aggiuntivi compresi nelle offerte per le linee ADSL

Ami la pay tv o vuoi una combinazione che comprenda anche la telefonia mobile per racchiudere tutto in un conto unico? Oppure cerchi una ADSL ottimizzata per il gaming online? Alcuni provider offrono pacchetti che comprendono servizi diversi e linee ottimizzate, pensate per dare prestazioni soddisfacenti a chi ama giocare online, come per esempio la nostra ADSL 4Game.

La verifica di copertura

Fino a qui abbiamo elencato alcuni criteri utili per scegliere una ADSL, ma è il momento di fare un piccolo passo indietro e tornare alla verifica di copertura che indica se l’attivazione è fattibile.

Come si fa una verifica di copertura? Puoi chiedere al servizio clienti dei provider di farlo per te o iniziare da solo, per esempio sul nostro sito CoperturaFibra: basta inserire l’indirizzo completo (comune, via e numero civico) per avere subito una risposta.

Con la verifica di copertura puoi scoprire:

  • quale tipo di ADSL puoi attivare, per esempio fino a 7 Mega o fino a 20 Mega: la differenza è dettata soprattutto dalla distanza della tua abitazione dalla centrale di riferimento. Per le linee che viaggiano sul doppino in rame, la distanza è un parametro fisico che influenza le prestazioni di una linea: più sei vicino alla centrale, più l’ADSL sarà veloce, mentre oltre una certa distanza l’attivazione può essere tecnicamente fattibile ma scoraggiabile perché la linea risulterebbe instabile
  • se ti conviene davvero una ADSL o una linea FIBRA: la verifica potrebbe indicarti che sei più vicino a un armadio FIBRA che a una centrale ADSL, e in questo caso scegliere la FIBRA potrebbe essere più vantaggioso, anche a fronte di un costo mensile più alto. Potresti anche scoprire che l’ADSL non è attivabile ma la FIBRA sì, e decidere se attivare quest’ultima
  • se l’ADSL non è attivabile, per motivi diversi tra i quali la saturazione della centrale o la distanza eccessiva dalla tua abitazione, puoi verificare periodicamente la copertura per scoprire se le condizioni cambiano nel tempo, o chiedere al provider di farlo per te, come per esempio facciamo anche noi

Velocità e banda minima garantita

La denominazione “fino a 7 Mega” o “fino a 20 Mega” indica che le performance delle ADSL sono variabili, per esempio perché cambia la distanza dalla centrale, a seconda della qualità del modem utilizzato e per altri limiti fisici come lo stato del doppino telefonico.

L’altro parametro fondamentale è la Banda Minima Garantita (BMG) che indica le soglie minime di velocità oltre le quali la tua ADSL non scenderà anche nei casi di estrema saturazione o traffico. Il rapporto è semplice: più la BMG è alta, migliore sarà la tua ADSL, e se il provider non la indica è bene chiederla.

La BMG come indicatore della qualità di una ADSL ne condiziona anche il prezzo: di conseguenza, verificare la BMG ha senso soprattutto quando trovi un’offerta che sembra molto conveniente. Se non la trovi indicata, chiedi informazioni al provider.

Valutare le offerte: provider a confronto

Fatta la verifica di copertura, puoi passare a valutare le offerte che trovi sui siti degli operatori e parlare con il servizio clienti per chiedere più informazioni sui dettagli di ogni singola offerta, soffermandoti su alcune caratteristiche importanti.

Oltre alle pagine promozionali, cerca su ogni sito anche i documenti di trasparenza tariffaria: sono obbligatori e riassumono in modo chiaro e schematico tutte le componenti di un’offerta, aiutandoti a capire quanto spenderai mese per mese.

Il prezzo di oggi e quello futuro: le promozioni

Quando valuti una promozione, controlla tutti i dettagli per verificare se l’offerta rimarrà tale nel tempo o cambierà dopo un periodo prestabilito, e quanto pagherai “a regime”.

Costi di attivazione/disattivazione e migrazione verso un altro operatore

I costi di attivazione possono essere diversi a seconda dei casi:

  • attivazione di una linea dati nuova dove non c’è mai stata, con intervento del tecnico sul posto
  • migrazione, termine tecnico che indica il passaggio da un operatore a un altro
  • attivazione su una linea telefonica attiva, in questo caso di Telecom se chiedi l’ADSL a un altro operatore

I costi di disattivazione, anche detta “cessazione”, sono relativi alla dismissione della linea senza passaggio ad altro operatore: in questo caso dovrai comunicare la disdetta al tuo provider e attendere i tempi tecnici della disattivazione.

Costi di migrazione verso altro operatore

Se hai deciso di passare a un nuovo provider, chiedi la migrazione, un processo tecnico che i due provider gestiscono tra loro fino a operazione completata: anche in questo caso, verifica se il provider che sei intenzionato a lasciare ti chiede un contributo per il passaggio.

Durata minima contrattuale

Altra variabile importante per valutare il tuo impegno nei confronti dell’operatore che sceglierai per la tua ADSL, che puoi conoscere con certezza consultando i documenti di trasparenza tariffaria.

Il provider può inserire una durata minima contrattuale variabile o non prevederla: nel primo caso, sei sempre libero di chiudere il contratto pagando la disattivazione o di migrare verso un nuovo operatore, ma dovrai verificare il costo del recesso anticipato. Nel nostro caso, i contratti non prevedono durata minima contrattuale, e i nostri clienti possono cambiare operatore in qualsiasi momento e senza costi aggiuntivi.

Modem libero?

La Legge europea indica che il cliente di un provider è libero di usare il modem che preferisce per collegarsi a Internet, ma in Italia non è sempre così e alcuni provider impongono l’uso di un modem con costi annessi: verifica se il costo del modem è presente ed è compreso nell’offerta che vedi pubblicizzata, e come sempre verifica sui documenti di trasparenza tariffaria per conoscere i dettagli.

Il modem può essere fornito anche in comodato d’uso gratuito con restituzione al provider in caso di disattivazione o migrazione: se ti interessa usare un modem acquistato da te, verifica che il provider ti garantisca questa possibilità o consideri obbligatorio l’uso del suo modem anche se fornito gratuitamente. Nel nostro caso, il modem è in comodato d’uso gratuito ma anche libero, perché ogni cliente può chiedere di usare il suo modem in autonomia.

Altri costi accessori? Li trovi sempre sui documenti di trasparenza tariffaria: un calcolo veloce ti permetterà di sapere la cifra reale che spenderai ogni mese per la tua ADSL.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.